Ufficio di riferimento: Servizio Tributi 

Info e Contatti

COMMISURAZIONE DELLE TARIFFE

La gestione dei rifiuti urbani, attività qualificata di pubblico interesse, svolta in regime di privativa, comprende la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti ed è disciplinata dalle disposizioni contenute nel D. Lgs. n. 22/1997 e successive modificazioni.

Per tali servizi è prevista una tariffa commisurata in base alle seguenti modalità:

  • per le utenze domestiche in base alle superfici immobiliari (abitazioni, cantine, box, solai, ripostigli etc.) e ai componenti del nucleo familiare;
  • per le utenze non domestiche sulla base di coefficienti relativi alla potenziale produzione di rifiuto prestabiliti dalla legge connessa alla tipologia di attività per la superficie assoggettabile a tariffa.
  • a decorrere dal 1° gennaio 2007 verrà istituito l'utilizzo del sacco rosso "a pagamento"  per i rifiuti indifferenziati raccolti a domicilio. Ciascun utente, compresi i commercianti su area pubblica, è obbligato a conferire i rifiuti utilizzando appositi sacchi da ritirare presso il distributore automatico o con altre modalità che l'ente gestore riterrà più idonee

La tariffa è applicata nei confronti di chiunque occupi o conduca locali o aree scoperte ad uso privato non costituenti accessorio o pertinenza dei locali medesimi, a qualsiasi uso adibiti esistenti nelle zone del territorio comunale. La tariffa è commisurata ad anno solare, cui corrisponde un'autonoma obbligazione patrimoniale. L'obbligazione decorre dal primo giorno del bimestre successivo a quello in cui ha avuto inizio l'utenza. La cessazione nel corso dell'anno, dà diritto all'abbuono della tariffa e decorre dal primo giorno del bimestre successivo a quello in cui è stata presentata la denuncia di cessazione, debitamente accertata. La denuncia di cessazione deve essere redatta su appositi modelli a disposizione presso l'ufficio tributi (Modello Cessazione TIA persona fisica, Modello cessazione TIA attività, Modello cessazione TIA condomini, Modello cessazione TIA eredi ). Non sono soggetti alla tariffa i locali e le aree che sono oggettivamente inutilizzabili e non quelli lasciati inutilizzati, per qualsiasi ragione, dai titolari della relativa disponibilità. Per ottenere la non assoggettabilità alla tariffa rifiuti occorre compilare un apposito modulo disponibile presso l'ufficio tributi (Modello Esenzione TIA).

DICHIARAZIONE

I soggetti obbligati e i soggetti responsabili del pagamento della tariffa devono presentare entro 30 giorni dall'inizio dell'occupazione o conduzione denuncia unica dei locali ed aree assoggettabili siti nel territorio del Comune. La denuncia deve essere redatta su appositi modelli a disposizione presso l'ufficio tributi (Modello denuncia nuove utenze domestiche , Modello denuncia variazione utenze domestiche , Modello denuncia utenze non domestiche persona fisica, Modello denuncia utenze non domestiche persona giuridica)

La denuncia ha effetto anche per gli anni successivi, qualora le condizioni di assoggettabilità siano rimaste invariate. In caso contrario l'utente è tenuto a denunciare ogni variazione.